Dante Zamperini - Sensazioni e Ricordi

Sensazioni e Ricordi di Giuseppe Luca Castellani
San Giorgio di Valpolicella Ingannapoltron
Vai ai contenuti

Menu principale:

Dante Zamperini

Racconti

Poesie Dialettali e non.........di Dante Zamperini


link al Sito per una lettura completa delle sue opere


Ho trovato opportuno inserire nel mio progetto un capitolo dedicato alla poesia, pensando di colmare in questo modo, un percorso descrittivo che avrebbe trasportato il visitatore in un viaggio virtuale, spaziando dalle origini storiche, alle tradizioni fino ad arrivare ai giorni nostri.
Passando da un argomento all altro, mentre scrivevo, avvertivo sempre di più la sensazione di aver dimenticato qualcosa, non date o accenni storici, ma bensì un elemento molto più profondo che solo l animo umano poteva cogliere: la Poesia.
Col sentimento, la passione, e la volontà di trasmettere uno stato d animo, i versi composti, dovrebbero raggiungere il profondo della persona umana, e questo è proprio l'intento di un nostro compaesano che da anni si dedica a comporre poesie in dialetto, molto belle e talvolta cariche di malinconia, quella, che a volte accompagna la normale vita del nostro paese.
L'autore è un mio carissimo amico, che mi ha concesso di completare il mio progetto pubblicando alcune delle sue Poesie, scritte nel corso degli anni, e edite in tre volumi di cui elenco i titoli :



Negli occhi, nel cuore
   L'arcobaleno de la vita   
        La domenica mattina



l'autore: Dante Zamperini


da l 'Arcobaleno de la vita.............




Don Camillo e Peppone a San Giorgio
omaggio a Guareschi

(...la fantasia porta due illustri personaggi della televisione a
San Giorgio di Valpolicella...)

Che belo ch el sarea...
Come me piasarea...
Vardarli tuti e du...
Chi en meso a le case de piera
De San Giorgio!
Na olta sola...
Ma sana e genuina.

Vardarli a corerse drio...
A far nosse e batesi...
Elesioni e comissi...
Uno de scondon da quel'altro.

Corarse drio par le vigne...
En de le preare...
Par stradete e sentieri...

Corerse drio
Col randel en man...
e dopo catarse...
Col soriso furbo
De ci no vol
Farse tor en giro
A magnar na feta de pissota
Pocià nel recioto
En canonica o al partito.



Ciao Ana


Ciao Ana
T ò visto ancò
Da la me finstra
Li da par ti
A cavarte le scarpe
Metarte en par de pianele
E cavar en sbrindolo de erba

Non tò gnanca saludà
Ma rento de mi
Tò dito
Anaaa el fioca

Va rento Ana
Va en cusina
A far da magnar
Lè mesodi
E taca el telegiornale

Ciao Ana.



Capodano


(...per quasi tutte le persone la notte di Capodanno è notte di festa, per poi gustarsi il riposo al mattino, ma non è così per una vecchia signora che come tutte le mattine va a pregare alla prima messa del nuovo anno...)


Straco stufo sensa fià
El modo sponsa
Tuto endormensà
Tuto embambolà
Sgonfio come na rua sbusa
Con la testa
Ancora en confusion
Ancor en balon
En mèso
A urli e ciassi
Salti e rebalsi
Penete e risoti
Caviale e salmon
Na guera de boti e colori
sta matina tuto el mondo
Sponsa
Solo qualche falia de neè
De qua e de la
Vien zo dal ciel griso
E pian pian
L'acompagna
En puoro sial nero
Che ogni matina
El va en cesa a pregar.



La farfaleta


(...la farfalla, il più delicato degli animali, vita corta, resa ancora più breve dalla crudele mano dell uomo...)


La farfaleta volàa en tuto el so splendor
Cossì come l'avea fata el so creator
Volaa felice nel ciel
Prima che rivasse el destin crudel
Parea che la balasse en tango a Parigi
Prima che rivasse quel mostro de Gigi
Che con quel muso da semo catio
El gà dato na paca ch'el l'à inebetio
La pora farfaleta pianzea dal dolor
Che massa en pressia gavea fato
Rivedar el so Creator.



Carneal


(...l'allegra confusione del carnevale ed il viso stupito di un bambino che l osserva senza capire bene il motivo...)


Colori
Musiche
Ciasso
bacan
Arlechino
Pulcinela
Na sossola
Na fritela
Coriandoli colorà
Cari de carneal
E na mascherina embambolà
Che la varda sta cagnara
E la pensa
i de fa en carneal.



Le campane


(...qualcuno pensa che le campane siano una scocciatura loro però continueranno a suonare in eterno...)


La vosse de la cesa se sa
No l'è solo el prete che la fa
Gh è anca le campane che ciama
Tute le donete for da la tana

Le sona de giorno e de note
Anca se certi i le ciaparea a son de bote
Ma le campane là en alto le seita a sonar
E tuto el paese le invida a pregar

Pregar la Madona che non te mora la dona
Pregar al Signor che non mora el dotor
Bronzi sospesi sui campanili dei paesi
Sonè par el bon Dio

Che no'l se varda mai endrio
E che no l se desmentega par gnente
El ben che a le campane ghe vol tuta la gente.



Tera bela


(...una breve descrizione della Valpolicella...)


Sbianchesa i siresari
La primaera su le bèle
Coline de la Valpololesela

Fiumi de recioto
E damigiane de amarone
Core ne le vene
De sta tera bela

E quadri piturè
De tramonti sul lago e
Pensieri de mondo pitoco
Se speia ne le contrade
De sta tera.

Te se come na butela
Sempre emboressà
Te se sempre pi bela
Valpolesela.



El me paese


(...è impossibile dimenticare le proprie origini, e allora eccovi san Giorgio di Valpolicella...)


En sima a n col
Tuto ingrotolio
Quatro case vecie
Le te imboressa el cor

Quatro case
Che par mi
Le vol dir
La pi bela cità

Sconte tra na caseta e l'altra
L'ostaria, la botega e l'albergo
Ghe conta fole al Garda
Nine nane a l'Apenin

En tanti iè andè via
ma quando i varda en su
En gropo ghe struca la gola
Ghe impissa el cor de nostalgia

Ma ti San Giorgio te se sempre lì
Che te i aspeti en sima al to col
Con le to fole al Garda
E le nine nane a l'Apenin.



Na lagrema de vita


(...storia vera di un soldato italiano ritornato dalla guerra, stremato dalla sofferenza, che deciderà di vivere solamente se i propri cari sono sopravvissuti alla guerra...)


L'è arivà el treno
Ne la stassion de la me cità
Pian pian pian
Come en puoro moribondo
A casa son tornà

Non so se la me casa
La gh è ancora
Se el musso el raia
Ancora ne la stala
Non so sa me  spetarà

Ma quando te me vedarè
En zinocion su la piassa
Dame na lagrema de vita
En grosso de speransa
Dime de la me fameia

Dime de me mama
Dime de me bupà
De me fradel
E de la me morosa
Dime te prego come i sta

E solo se i è tuti vivi
Solo se podarò basarli ancora
Alora si dame la man
Tirame en piè
Che viva anca mi.



da Negli occhi, nel cuore


Nostalgico


(...il volto nostalgico del poeta...)


Forse non esistono
Poeti felici
Amano allora le macchine d epoca
Ascoltano suonare i violini
E volano con le capriole
Di fumo bianco
Davanti al focolare.



La triste fine


(...prima o poi tutti si dovrà rendere conto delle nostre azioni alla Giustizia Divina. Auguri...)

Alla fine dei nostri
Giorni materiali
Cosa offriremo
Alla giustizia divina
Solo due pugni chiusi
Uno con tante nere mosche
E nell'altro
Tante richieste di perdono
Cosa avremo concluso
Alla fine dei nostri giorni materiali?



L'anima e il gabbiano


(...un anima si ferma ad osservare il volo di un gabbiano che si diverte sentendosi ammirato da un anima...)


La tua anima seduta sulla
Panchina del porto
Guarda il volo di un gabbiano
Che teneramente giocando
L'osserva
Divertito d essere ammirato
Da un angelo.



La prostituta


(...questi versi non hanno bisogno di commenti. Anche nel giorno di Natale la vita per qualcuno è tristemente amara...)


Sulla strada ti ho vista
il santo giorno di Natale
Tra i pranzi e gli auguri
Tra le le telefonate ed i falsi sorrisi
Sulla strada ti ho vista
Telefonare cento metri avanti
E dire non arriva nessuno
Buon Natale anche a te
E tra gli alberi di Natale
Coperti di mille lustrini
E golosi panettoni
Spolverati di zucchero a velo
Sulla strada ti ho vista
Ad aspettare un avvoltoio
Che forse oggi non verrà.



Ricordi


(...le città e la vita moderna non sono più quelle di un tempo. Quasi non si distingue il giorno dalla notte...)


Scendeva la notte
e le città erano silenziose.



Versi dei poeti


(...i versi dei poeti escono puri dal cuore...)


Mi commuovono
I versi dei poeti
Segni scritti
Su fogli di carta
Indelebili nel tempo
Parole di storie
Versi d amore
Nostalgici
Versi di terrore
Canzono scritte
Col sangue del cuore
Parole uscite
Dal sistema nervoso
Emozioni difficili da spiegare
Difficili da capire
Se dentro non ti senti poeta
Se la tua mente
Non è invasa
Dall amore
Non puoi capire
I versi dei poeti
Se al posto degli occhi
Non hai le stelle.



I comici


(...i comici, forse anche i comici...)


Forse anche i comici sono tristi
E una lacrima riga il loro sorriso
Forse anche i comici soffrono la nostalgia
E l'affogano nel mare delle battute
Forse anche i comici soffrono la malattia del cuore
E l'ascoltano tristi in silenzio
Nel pichiettare dei martelletti di un pianoforte
Si è proprio così
I comici...
Forse anche i comici.



Dove vivono i poeti


(...chissà dove viaggia la mente del poeta quando scrive i suoi versi...)


Ma dove vivono i poeti
Quando pensano
Ai loro versi d amore
Vivono in altri mondi
O nel cuore dell autunno
Con la compagnia
Delle foglie rosse
O con la primavera
Tra le margherite nei prati
Forse nei boschi rincorrono
Elfi e romantiche fate dai capelli biondi
O semplicemente
Vivono il sogno di Romualdo
Su una scala
Tra cielo e terra
Salire e scendere
Tra il paradiso e l inferno.



Piromane


(...perchè nessuno bruci più i boschi...)


Si passo la vita
A incendiare boschi
Non so perchè lo faccio
Ma è l unica cosa che viene bene
Perchè è facile accendere
La fiammella dell accendino
Non so se provo felicità
Nel vedere quella piccola fiamma
Brillare nei miei occhi
E rischiare il buio della mia notte
Si la luce
Perchè il mondo dei piromani è buio
Pieno di astio e rancore
E i boschi incendiati
Bruciano l odio che ho nel cuore
Ma perdonatemi boschi di vita
E le vostre fiamme diano luce
Al cuore buio
Incatenato nel mio petto.



Chiese


(...l'atmosfera di una chiesa in pochi versi...)


Sono le note di un organo
Che rendono l atmosfera sacra
E il profumo di cera fusa
Mischiata all odore intenso dell incenso.
I banchi profumano di legno
Ed esce il vento del mistero
Dai vecchi confessionali
Posti nelle buie navate laterali.
Inquietante scava la tua coscienza
Il volto del Cristo sulla croce
E una monaca prega silenziosa
Nel banco centrale della chiesa.



Autunno sul Garda


(...l'autunno, le prime nebbie, il lago di Garda...)


Solo gli occhi di
Nuda pietra
Si sono fermati
A contemplare il lago
Solo loro l ammirano
In questa stagione
Di nebbia
Eh sì solo loro
Un bianco gabbiano
E la canna di un pescatore.



Amore-Natura


(...l'amore, il più bel sentimento esistente in natura...)


Le stelle esistono
Brillano nei tuoi occhi
anche se i ciechi non le vedono
I fiori profumano della tua pelle
Anche se le api non si posano
Dolce nettare di vino
Scorre nelle tue vene
Anche se gli ebbri non ne bevono
D oro sono i tuoi capelli
Ma gli orafi non ricavano preziosi
Tu sei la magnificenza
Tu sei la natura.



Amico


(...la vita non è sempre bella e buona e può capitare, con amara tristezza, di perdere un amicizia...)

Ho perso un amico
Perchè
Forse avrei dovuto
Capire i suoi perchè
Forse avrei dovuto capire
Il suo imbarazzo
Nel sapere avermi
Preso in giro
Non serbo in me
Rabbia
Odio
Rancore
Ma solamente
Sconfitta
Mi sento humus
Ci penso molto
E mi viene da piangere.



L'autostrada


(...versi scritti una sera in autostrada...)


Corrono sull autostrada
Mille rossi fanalini
Corrono decine di provincie
Corrono impazziti su mille chilometri
Di nero asfalto i sorrisi e i pensieri
Tutti con la fretta di arrivare
Corre la felicità e la tristezza
Come un tango impazzito
Di forti emozioni
Corrono le discussioni di lavoro
Le chiamate sui cellulari
Le corse per arrivare prima
Corrono migliaia di pistoni
Turisti e lavoratori
Industriali e disoccupati
Qualcuno corre troppo
E inciampa in un
Groviglio di lamiere
E alla fine di questo
Frenetico correre
Tutti pagano il pedaggio.



Alla mia morte


(...spero sia il più tardi possibile che per me è lo stesso...)


Sorridete quando sarò morto
Perchè la mia anima non sia triste
E allora suonate le campane a festa
Cantate canti di gioia
E bevete del buon vino rosso
Suonino i violini
E le voci cantino il Signore delle cime
Non parlate al passato
Perchè sarò più vivo di voi
Che siete sulla Terra
Fate tutto questo
Affinchè la mia anima
Scali le vette del cielo
Leggera
Senza nessun ostacolo
Leggera
Spinta dalle vostre preghiere
Leggera
Cullata dal vostro cantare la montagna
Cosicchè raggiunga
I sacri piedi del Padre nostro
Ai confini dell eterno infinito.



Suoni


(...una nuova sfumatura musicale...)


E sento il suono
Dei mandolini
Confondere i liuti
E sono ora liuto
Ora mandolino
Nel lento ritmare
Dei secondi
Nella notte.



Nostalgia


(...dedicata ad un amico, Claudio Lucchi...)


Vorrei piangere
sul freddo marmo bianco
Della tomba del mio amico
Ma lui mi guarda
Lo so che da lassù
Lui mi guarda
Allora prendo coraggio
Guardo il cielo sereno
Prendo coraggio
Soffoco la nostalgia
In una stupida risata
Il mio amico è la
E ride con me.



Luna


(...dedicata a Silvio Aldrighetti di Gargagnago, perennemente innamorato della Luna...)


E  un disco giallo
Che ti guarda
E sorride
Illumina il sentiero
Della tua vita.
Con un sorriso dolce e vero
Accende la notte
Colorata di nero
E con tante gialle stelline
Balla la musica della vita
Canta antiche nenie paesane
Spolvera le antiche pietre
Di vecchie case di paese
E poi svanisce pura
Tra i raggi del sole.



Il pianista


(...come ho visto un pianista suonare in un piano bar...)


Suona nel vizioso piano bar
Un pianista silenzioso
E l'ombra del suo viso
Riflette pensieri
Di malinconica tristezza
Che si dissolve
Tra un Martini e un Montenegro
Consumati nel fumo opaco
Di una sigaretta
Che si spegne lenta
Sul bordo legnoso del pianoforte.



Immagini in bianco e nero


(...gli episodi duri della vita sono difficili da cancellare dalla memoria e anche se accaduti in passato e coperti di ragnatele, sono sempre presenti nella soffitta della nostra memoria...)


In un mondo
Di mille colori
Alcune immagini sono
In bianco e nero
E pur essendo
Coperte di ragnatele
Rimangono impresse
Nella memoria del tempo.



Dal dentista


(...dedicata al mio dentista Alessandro Novello...)


Duole il dente nella testa
E  la compagnia durante la notte
Duole anche se affogano nelle pastiglie
Duole ogni ora
Con ogni tempo
Ma l'ora magica è arrivata
Scoccano le cinque di sera
Tra le frese dei trapani
Ed i risciacqui di bocca
Tra le otturazioni e le facce smorfiose
Tra il gustare l anestetico e la lampada negli occhi
le mani del dentista
A frugare nella bocca.



Timidezza


(...un timido incrocio di sguardi...)


E  rossa la mela sull albero
Dolce
Succosa
Pronta per essere colta
Tagliata e gustata
E  maturo il frutto del peccato
Il suo colore è rosso fuoco
Come le tue guance
Quando l hai incrociato.

sito autogestito senza finalita di lucro
Ottobre 2009
San Giorgio di Valpolicella Ingannapoltron - Verona
Torna ai contenuti | Torna al menu